VENIAMO AL MONDO CON UNO STRAPPO


C’è di sicuro qualcosa di magico e incomprensibile nella densità della luce al tramonto. Simile ad una vecchia gitana adornata di nostalgici monili, coperta di un solo velo di seta da toni caldi, si distende, si allunga come spossata da una lunga camminata per il mondo. Amoreggia sinuosa con i campi verdi ricamati da sentieri puntellati di ghiaia. Signora dei baci strappati, custodisce la pozione capace di dare pace all’anima, ne sono certa.
Tutti veniamo al mondo con uno strappo, racchiusi in una stretta, abbraccio di vita che tiene inchiodati. Veniamo al mondo di fretta, e restiamo sospesi fra quel che ancora non siamo e quel che già stiamo diventando. Impariamo a conoscere il sorriso, virgola imbiancata distesa su volti familiari. Ci sorprendiamo nello scoprire quanto sia salata una lacrima quando ancora non ci sono solchi scavati dal tempo a trattenerla. Spuntiamo di fretta come fiori affamati di primavera.
Le idee più fervide si materializzano sempre alla luce del tramonto. I pensieri si fanno più chiari e le punte delle dita si riscaldano di un tepore che sa di cotone arruffato. Con il tramonto zingaro a solleticarmi il naso, ho starnutito fuori dallo stomaco l’onda che gli si infrangeva contro: voglio andarmene. Perché non c’è paese che non possa essere il mio, sotto lo stesso sole danzante a riscaldarmi le dita.
Amo il mio paese, paese di altalene vecchie come la terra che calpestiamo, di monumenti imbruniti dal tempo, paese di fantasmi erranti, antico di sapore antico, antico di profumo antico. E dal paese voglio emigrare nel labirintico fiume di chi per casa ha scelto se stesso.
Per irrinunciabile onestà verso me stessa, e verso tutte le me che tengo segregate nella mia casa costruita con mattoni di sabbia, voglio poter scegliere. E scelgo di non scegliere. Scelgo di non scegliere la strada che mi hanno messo sotto i piedi. Scelgo di non scegliere la resa. Scelgo di non scegliere quel che ho davanti. Voglio tutte le strade e tutti i panorami.
Siamo frammenti di stelle piovute a cavallo di un desiderio d’amore, sputati fuori, nel mondo, da un ventre di mare.
Al mondo veniamo come una miccia che infuoca e al mondo siamo dati….per raccontare cosa il mondo intero ha conservato di buono per noi.
Passi su passi di un sole zingaro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...