NON DITE ALLA SPOSA DI METTERSI IN POSA

Da qualche tempo a questa parte, tra le mie amiche e me aleggia un argomento ricorrente: il matrimonio. Non si sa ancora se sia dovuto al fatto che siamo donne o semplicemente alla proliferazione di matrimoni intorno a noi. Sarà anche che tutti si sposano e a noi non resta che fare la parte delle comari che commentano e criticano. Che poi è pure piacevole, perché intanto ci risparmiamo la paranoia di sentirci alla soglia del fatidico sì (è una noia morale essere messe davanti alla solennità del momento, dovrebbe essere tutto più easy!) e intanto abbiamo modo di saggiare le tendenze. Alle donne probabilmente piace di più andarci ai matrimoni che esserne protagoniste, perché finché il tuo ragazzo si inginocchia ed esibisce il repertorio romantico previsto dal protocollo della richiesta è tutto splendido, poi quando c’è da mettere d’accordo le famiglie, scegliere l’abito e convincere le damigelle che non possono mettere un abito arancione perché a te l’arancione fa proprio schifo, diventa un delirio.
Essere la sposa non è sicuramente semplice,

perché poi l’uomo che si è presentato in ginocchio da te, quando si rialza entra nell’ordine di idee che il suo lo ha fatto e che il matrimonio lo organizza la donna, mascherandosi dietro una falsa accondiscendenza e un quanto mai evidente bisogno di dimenticare che sta per andare all’altare. Eh già perché gli uomini sono strani in fatto di matrimonio: te lo chiedono dopo un tempo imprecisabile, avendo avuto la necessità di pensarci seriamente, dopo giungono alla conclusione che sei tu la donna della loro vita (come se 5 o 10 anni di fidanzamento non sono stati un banco di prova sufficiente!), progettano sorprese da film strappalacrime e poi…..dopo che hanno decretato il verdetto, si danno tutto il tempo della preparazione del matrimonio per pensarci ancora. Per non parlare del fatto che la vivono come una processione verso il patibolo. Ma in fondo è un luogo comune che agli uomini piace. E noi lasciamo che a loro piaccia, perché non puoi mai togliere ad un uomo il suo giochino ed aspettarti che poi faccia come dici tu.

Nel frattempo dunque la donna si affanna nei preparativi e maledice il giorno in cui, con fierezza, aveva dichiarato di dissentire da chi prepara i matrimoni a partire da un anno e mezzo prima. La casa, il vestito, il vestito di lui (che se non lo aiuti è capace di presentarsi con il panciotto di broccato!!!), le bomboniere (e devi convincere la nonna che il pataccone di swaroskij non è proprio quello che avevi pensato!), il corredo, il comune, la chiesa, la sala ricevimenti. E a tutto ciò occorre aggiungere anche la necessità di risolvere tutta una serie di questioni che hanno a che vedere con la tradizione. E diciamolo, ci sono tradizioni che si fa fatica anche a pensare che si siano trasmesse fino a noi. Ma tu non vuoi deludere nessuno, allora meglio di un diplomatico di fama internazione provi a cercare dei compromessi che vadano bene a tutti. Presa dalla gestione del progetto cominci a dimenticare quanto sia stato romantico dire si al tuo uomo e inizi a pensare che forse sarebbe stato meglio andare a convivere. Ci pensi, ci ripensi e ti convinci che, no, stai facendo la cosa giusta. Solo una donna è in grado di conferire buon gusto ad una cerimonia di nozze e che per certi versi è anche giusto che sia la sposa a disegnare il giorno più importante della sua vita a suo gusto e piacimento. Fai la lista di cosa resta da fare e…ti eri dimenticata del fotografo! Sono tutti bravi. Di questi tempi poi, uno vale l’altro, meglio risparmiare! Un’amica ti passa un contatto, chiami e anche questa è fatta.
Sarà un giorno emozionante, ne sei certa, e tu cercherai di non piangere se no ti cola il trucco!
Ormai sei sposata, il giorno delle tue nozze è passato. Tuo marito ormai si sente ufficialmente al cappio, tua madre ha smesso di piangere e finalmente riesci anche a scartare i regali.
Hai anche trovato il tempo di andare a ritirare l’album di nozze. La cerimonia è andata, adesso resta godersi il risultato. Lo sfogli e…….ricordi tutto. Mentre un po’ imbarazzata e un po’ stanca seguivi le istruzioni del fotografo e non vedevi l’ora di entrare in sala a mangiare, lui si era sdraiato e aveva chiesto a voi due di appoggiarvi l’uno all’altra facendovi leva sulla base di una statua di marmo messa lì al centro di un giardino fiorito. La sala non l’avevi scelta tu, aveva insistito tuo padre perché gli piaceva l’ambientazione neoclassica. “Si, dai, questa è l’ultima” avevi pensato. Ti dice di alzare un braccio e tu esausta lo hai anche alzato. Clik clik, e lui che dal basso scattava scattava scattava. Proprio un buon lavoro! Ma adesso, mentre osservi il risultato……tra un bacio e un sorriso, una corsa tra gli alberi e un salto, tra i ricordi migliori hai anche una bella istantanea di te che, con un braccio alzato, sembri reggere le palle dell’Apollo che era tanto piaciuto a tuo padre. 
questa foto è stata presa dalla pagina fb Il Peggio della  Fotografia Made in Italy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...