Mamme alla riscossa!



Deve essere perché sono donna o perché ho 30 anni. Sono combattuta fra due soluzioni: o ho cominciato a farci caso con sempre maggiore frequenza oppure il numero di nascite è aumentato negli ultimi due anni.

Non è strano, nemmeno precoce che io abbia un senso di maternità tanto invadente come in realtà è.  Di solito si manifesta invitando amiche e conoscenti a fare bimbi che loro dovranno portare in pancia e loro dovranno crescere. Saranno loro a svegliarsi in piena notte e sempre loro a camminare su e giù passando il pargolo da un braccio all’altro con tanta automaticità da diventare brave anche a schiacciare un pisolino in piedi, appoggiate allo stipite della porta.
Non ho dovuto essere troppo insistente, perché sembra che tutti abbiano trovato il modo di essere mamme alla faccia della crisi. Non c’è migliore notizia per me che disprezzo coloro che abbattono il concetto stesso di famiglia a forza di statistiche e scontrini della spesa. Ma non posso evitare di notare come ci sia stato un vero e proprio boom di nascite, intorno a me. 
Alla mia età comincio a chiedermi anche io se sia davvero così meravigliosa la gioia di mettere al mondo un esserino che in qualche modo ti somiglia e deve essere perché comincio a realizzare che le fantasie sono sempre più ottimiste della realtà.
Scorrendo con disattenzione la mia bacheca di facebook non sarà difficile notare come le gioie della maternità facciano da padrone.  Ecografie, piedini, carillon, dichiarazioni d’amore genitoriale. E trovo che tutto sia sfacciatamente incredibile agli occhi di una come me che per reazione riesce solo a chiedersi: tutte insieme?
Se con sincera felicità partecipo alla gioia di molte amiche che stanno cominciando a gustare la soddisfazione di essere mamma, con assoluta incredulità mi domando se si sia cominciato a spegnere la tv più spesso perché stanchi delle solite pagliacciate da prima serata e ci si sia dedicati con maggiore assiduità ad attività più aerobiche!
Amiche mamme, solo una donna che sia diventata mamma può probabilmente ammettere e trovare del tutto naturale la melassa delle proprie predisposizioni che dal proprio bimbo, per entusiasmo puro, si emanano verso il mondo intero. Lo capisco, almeno ci provo. Lo capirò meglio quando e se un giorno anche io fisserò per un’ora intera il mio ombelico in attesa che si muova. Per adesso scorro in fretta la mia bacheca di facebook perché diciamocelo, le neo-mamme hanno un sorriso beffardo. Sono più forti trincerate dietro la loro inespugnabile felicità!
E per adesso, più che chiedermi quanto sia migliore il mondo visto dagli occhi di una mamma, mi limito a sorridere a chi mi ha sentito con insistenza dire “fai un figlio, è il tuo momento!” e ad ammettere che grazie a loro, fra meno di vent’anni, ci sarà una nuova generazione di adolescenti liberi dalla necessità di spegnere la tv per risollevare il tenore della serata. Si spera!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...