Madame Contraria. Normotipo per necessità sociale.


Non ne sono molto convinta ma, se è vero che tutto si riduce alla moda e se anche i modi di parlare, di vestirsi, di crescere, di avvicinarsi all’altro sesso o di interagire tramite i social media sono riconducibili a tendenze di massa che funzionano come conduttori di prima classe, allora mi chiedo dove finisca l’iniziativa personale, l’indipendenza di pensiero e cominci l’ossessione dell’integrazione a tutti i costi. Sempre che si tratti di una necessità di integrazione.
Sembra continuamente di trovarsi di fronte alla situazione “di tutta l’erba un fascio” e che la tanto discussa globalizzazione, che in molti reclamavano come una necessità, si sia trasformata in una scomoda omologazione che disturba moltissimi. Qualcuno aveva dimenticato di fare i conti con il rischio che ci si omologasse pagando il prezzo della propria unicità. La reazione automatica a questo fastidioso sentimento di isolamento e anonimia nella massa è quella che voglio definire la sindrome della Madame Contraria, prendendo a prestito un modo di dire delle mie parti.
Madame Contraria è quella persona che sbandierando una sofisticatezza di giudizio è tendenzialmente portata a sostenere e ad appoggiare sempre e comunque il contrario di quello che trova intorno a sé, dalle opinioni altrui, passando per le tendenze di massa, sfociando nella totale perdita della capacità di mettersi in discussione. È una vera e propria sindrome se si pensa che Madame Contraria non ha nemmeno più l’autonomia di valutare ma sceglie a priori la posizione opposta.
Ora, in un’epoca di estrema omologazione in cui le mode, le tendenze e i gusti nascono e muoiono alla velocità della luce, Madame Contraria è più riconoscibile che in passato perché alla velocità della luce deve riadattarsi.
Inoltre non è da trascurare che nella fretta dell’omologazione si è perso per strada il buon senso di rispettare le singole opinioni altrui e si è affermata una quanto mai odiosa tendenza ad essere, sempre per moda, anti political-correct, forse in nome di una modernità a tutti i costi che, dopo mille giri, riconduce sempre al desiderio di integrarsi e sentirsi il meno diversi possibili. E questo in fondo perché si ha paura della diversità. Per arrivare a dire che Madame Contraria oltre a dire sempre il contrario di quello che sostengono gli altri, tende ad essere anche molto grettamente modernista a tutti i costi, progressista e grettamente portata ad una sincerità che però fa il gioco della massa. Ed ecco che se qualcuno sente la necessità di vomitare fuori il disappunto per un’adolescenza che brucia le tappe, ecco che Madame Contraria urla che è così che si usa e che il passato aveva altre mode e che si cresce in base alle mode sostanzialmente. A quel punto una come me si ferma e non discute perché è inutile discutere con Madame Contraria, è un mulo che superficializza, ammassa, non distingue, non riflette ma spinge verso la direzione di massa a dispetto del suo sentirsi Contraria. Ma questo è il rischio di affidare il proprio cervello alla moda: remare verso il soddisfacimento della propria unicità e ritrovarsi da capo a fare squadra con chi ti sorride solo se con cattiveria sei riuscito ad andare contro la corrente buona. 
Non esiste più retorica e quando si tocca il fondo della superficialità, della faciloneria, l’unico movimento ammissibile è quello in risalita. Ostacolare la risalita verso livelli in cui cominciare a pensare con la propria testa sia la norma è fare il gioco di chi ci vuole al servizio di un piano più grande. Invece di sentirsi coraggiosi ad ammettere la propria modernità convinti così di sentirsi perfettamente parte del sistema smascherando chi invece trova ancora lo stomaco di disgustarsi, disgustatevi anche voi a vostra volta e dite la verità perché se siete i genitori dei figli di domani rischiate di finire vecchi e delusi, creduloni nei confronti di un sistema che vi voleva in quel modo e che però in cambio non vi ha dato niente.
p.s. in base alla statistica, io sarò risultata così political-correct che non mi meraviglierei vedere spuntare il Madame Contraria della situazione, paladina della verità scomoda che però, mi dispiace, a me non sta scomoda per niente perché le verità pre-confezionate mi sono totalmente indifferenti. Cheers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...