Una comunità di sole donne e in cerca di marito. Il nuovo femminismo.


Non appena ho letto questa notizia ho subito pensato al libro di James Canon “Storia dalla città delle

vedove e cronache dalla terra degli uomini” ma anche a “Gli Uomini vengono da Marte, le Donne da Venere di John Grey”.

Si tratta di Noiva do Cordeiro, una piccola comunità brasiliana popolata da sole donne, 600 per l’esattezza, quasi tutte tra 20 e 35 anni, con la piccola eccezione maschile di qualche marito e parente.
Il paese fu fondato nel lontano 1890 quando  Maria Senhorinha de Lima fu scomunicata dalla Chiesa colpevole del reato di adulterio nei confronti di un marito che era stata costretta a sposare. Moltissime furono le donne che la raggiunsero nel corso degli anni spinte dal desiderio di vivere in un ambiente totalmente femminile. Negli anni 40 il pastore evangelico Anisio Pereira prese in moglie una 16enne del posto, costruì una chiesa e impose nuovamente regole rigide alla vita della comunità, tra cui il divieto di bere, di tagliarsi i capelli e ascoltare musica. Alla sua morte, nel 1995, le donne decisero che mai più un uomo avrebbe dettato legge nella loro società ai confini del mondo.
Su tutti i tabloid internazionali Noiva do Cordeiro fa cronaca e scalpore per l’appello che le donne hanno deciso di lanciare oggi, nel 2014: cercano un marito, ma qualcuno che acconsenta a vivere in un mondo tutto femminile e a sottostare a regole costruite da donne. 
Nemmeno la storia di Noiva do Cordeiro smussa lo sguardo tutto maschile che siamo abituati a vedere riflesso nel campo dell’informazione. E se il Brasile ci sembra lontano, non è molto lontano da noi l’immagine di un gruppo di donne che sceglie di vivere seguendo le proprie regole, dedite ad una sorta di post-femminismo che però si mette in discussione. 600 donne brasiliane single lanciano un appello cedendo all’ammissione dei loro desideri, di matrimonio, molto probabilmente di maternità, perseguendo l’ideale di una comunità al femminile in cui vigono principi disegnati da menti femminili. Non c’è alcun sottotesto sessuale, né invito ad un mondo di piacere, lussuria e sregolatezza in un appello che sa solo di provocazione, come le centinaia che le donne sono state maestre a lanciare negli ultimi cento anni. 
Immagino il solletico che questa notizia abbia fatto alle menti di molti uomini, abituati a guardare fin dove il desiderio arriva e l’immaginazione si sfrena. 600 bellissime donne emancipate che non nascondono il loro corpo. L’universo immaginativo maschile incontra ostacoli difficili da sradicare. Il femminismo o il femminile(sarebbe meglio dire), a tutti i costi, non è solo quello dei reggiseni bruciati negli anni 70, o nelle gonnone delle suffragette raffigurate in vecchie foto sbiadite di inizio secolo. 
Questo è quello che qualche volta resta, la consapevolezza che le battaglie vinte non sono un punto finale e che se ancora un mondo intero è pronto a sbavare su un gruppo di donne emancipate che si impongono regole a cui non consentono incursioni di tipo maschile allora forse molte Noiva do Cordeiro servirebbero, se non fosse altro per dimostrare che esiste un modo di essere emancipate senza esserlo a metà, e che il femminismo non è morto negli ultimi piani dei grattacieli negli uffici di dirigenti d’azienda donne, nelle mani di primari donne o primi ministri donne, nella legge a favore del’aborto o in quella che consente il divorzio. 

Il femminismo resiste anche quando si apre all’ammissione della necessità di un uomo nella propria vita. Che se da millenni le comunità le hanno rette gli uomini, senza meraviglia e sorpresa di nessuno, è possibile anche che un’intera comunità sia retta nel XXI sec. da un gruppo di donne che decide, come è uso da 100 anni in quello stesso posto, che le regole le fanno le donne. Il femminismo ripulito dall’estremismo dell’odio verso l’universo maschile è quanto di più augurabile per una rivoluzione dei ruoli che sia radicale e moderna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...