L’istigazione “libera” di Libero

Dall’informazione al brainwashing

bastardi-islamici

Contrariamente a quanto indica il nome del mio blog, questa non sarà una recensione ma soltanto un’occasione di sfogo, ammesso che ci sia ancora qualcosa di cui semplicemente sfogarsi tra quelle di cui indignarsi.

All’indomani dei fatti di Parigi, la partecipazione, la solidarietà, il risentimento sono globali e passano, attraverso pensieri propri o preimpostati dall’etere, attraverso i social e la rete, mezzi privilegiati per riunirsi in un pensiero comune.

La facilità con cui, in queste circostanze, si emigra dalla veste di comune indignato triste e sconvolto a quella di esperto opinionista con specializzazione in politichese è già di per sé sconvolgente. Ma assistere alla strumentalizzazione di una tragedia nella corsa al sensazionalismo da prima pagina, con arrogato diritto a dichiarazioni di odio, per la serie “in guerra tutto è permesso” (e in amore! Per amore di informazione, certo!!!), significa fare il gioco di chi vuole la guerra.

Il direttore del quotidiano Libero, Belpietro, al quale fino a prova contraria si attribuisce la completa responsabilità della pubblicazione che titola “Islamici Bastardi” sulla prima pagina del suo quotidiano, ha superato la linea sottilissima che separa il buon senso dalla generalizzazione sragionata, la buona informazione dalla opinione personale, adottando uno strumento potentissimo, come è un quotidiano di tiratura nazionale (non avrebbe fatto eccezione se fosse stato di tiratura locale!) per dare voce ad un giudizio che non si può non classificare come istigazione all’odio.

Va da sé che non esiste distinzione di nessun genere fra il termine musulmani e il termine islamici. Non c’è bisogno di scomodare l’Accademialibero-titolo-maurizio-belpietro della Crusca, gli esperti di linguistica e quelli di religioni. Non è una questione di sottilismi linguistici che viene messa in discussione ma il concetto ampio e più che palese che sottende a quel titolo così lapidario. Sebbene Belpietro abbia voluto attaccarsi, con un tweet, al significato della parola bastardo, “figlio illegittimo”. Quindi????

È la vecchia, gretta abitudine a fare un gran calderone in nome della non condivisione di un credo che, a causa della sua frangia estremista, viene in toto considerato portatore di guerra.

Attraverso un linguaggio più consono, forse, ad uno stadio o alla bassa chiacchiera da bar, il giornalismo di Libero si è concesso la libertà, indebita, di interpretare un pensiero che NON E’ DI TUTTI, che capziosamente vuole inculcare un’idea sbagliata e incitare all’ignorantissima conclusione che tutti gli arabi sono terroristi perché sono musulmani e quindi che siamo salvi se ce ne liberiamo. Si tratta allo stesso modo di terrorismo, di massa, giocato sulle pagine di un giornale. Rabbrividisco all’idea della sconvolgente somiglianza che tale generalizzazione ha con storiche tendenze all’odio di massa per un popolo in particolare.

Lungi dall’abbandono all’entusiasmo per un buonismo di massa che ci rende tutti più belli agli occhi degli altri, mi sembra che si sia raggiunta la vetta massima oltre la quale può esserci solo una regressione al medioevalismo più oscuro.

Mi rifiuto categoricamente di riconoscermi in questo tipo di informazione di massa che sminuisce l’intelligenza dei suoi stessi lettori attraverso l’istigazione all’odio.

E perché il concetto sia chiaro, sarebbe cosa buona illustrarlo a Libero con un esempio di natura elementare. La proprietà transitiva non è universalmente applicabile! Non funziona che Estremisti = Musulmani, Estremisti = Terroristi, quindi Musulmani = Terroristi. Non è che tutto il GIORNALISMO sia UN PESSIMO GIORNALISMO perchè LIBERO LO E’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...