Anche Ettore Scola se ne va

cover1300.jpg

Siamo preparati. Lo sappiamo. Arriva per tutti. Ma una certezza non è sempre una consolazione.

Dopo Lemmy dei Motorhead, la nostrana Silvana Pampanini, la leggenda Bowie, il chitarrista degli Eagles Glenn Frey, ancora un addio da imputare solo ad unizio anno che vuole farsi ricordare.

Una mia amica, che adesso starà probabilmente corteggiando Bowie tra le stelle più luminose (ne sono più che certa), diceva che gli anni bisestili non portano cose buone.

Sarà per questo?

Addio ad Ettore Scola questa volta. Uno dei maestri della commedia all’italiana.

Un americano a Roma (soggetto e sceneggiatura-1954),  Il sorpasso  (soggetto e sceneggiatura-1962), C’eravamo tanto amati  (1974), Una giornata particolare (1977), per dirne solo alcuni ma tutte grandi prove di un maestro della cinematografia italiana.

In un’intervista rilasciata nel 2014 a Malcom Pagani e Fabrizio Corallo, Ettore Scola diceva che “con l’età, la pigrizia ha superato qualunque altra considerazione”, aggiungendo “Quando mi chiedono perché non giro più rispondo seccamente: ‘Mi sono preso un decennio sabbatico’”.

La pigrizia dunque, e non la vecchiaia, lascia fuori dalle luci della ribalta un’icona del cinema come Ettore Scola. E proprio della vecchiaia diceva: “Anche se la verità è che vogliamo andare avanti fino all’ultimo per poi lamentarcene, la vecchiaia è una fregatura propinata dalla scienza. La vita si è allungata in maniera spropositata. Quando mio nonno Pietro festeggiò i 60 anni, noi ragazzi lo guardavamo attoniti: “Ma come cazzo ha fatto ad arrivare fino a qui?”. Di ottantenni ne ho conosciuti pochissimi. I miei amici più cari non hanno superato i 72.

Ancora più strano fa rileggere, in quella stessa intervista, all’invito dei giornalisti di parlare di sé “Non facciamo altro che commemorare, intorno a noi siamo pieni di morti“.

E si vede che la commemorazione è la condanna imposta dalla nostalgia, per le cose che furono e per quelle che sappiamo, anche a caldo, come adesso, che non ci saranno più.

Addio Ettore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...