La tetta prensile

CEN_BreastTrend_05.jpg

Il nuovo body trend. Giochiamo a tetta di ferro

Che venga da Venere, dalla Cina, dalla Papua Nuova Guinea o sia importata dall’isola sperduta del Pacifico, l’idiozia femminile, haimé, non ha nemmeno i famosissimi valicabili limiti e si è recentemente concretizzata nell’hashtag #carrypenunderbreast in cinese.

Prosegue all’infinito oltre ogni generazione e proseguirà oltre le ere geologiche se mai l’essere umano sopravviverà.

Se avesse un limite ne sarei consolata. Aspetterei quel limite con gioiosa trepidazione, mi sfregherei le mani nella speranzosa attesa di un momento di up dopo un lungo momento di down.

Invece no, nel 2016 devo ancora guardare donne che misurano la loro bellezza e la loro femminilità cercando di trattenere un oggetto con il seno, donde poi trarre la conclusione di avere la tetta prensile ergo perfetta.

E che non si chiami in causa la libertà perché a questo punto precedo l’obiezione e dico: sono liberissima, non libera, di dissentire dalla tetta prensile, da qualsivoglia sia la sua utilità, dalla sua ostentazione e da qualsiasi tipo di sfida si voglia ora o in futuro indire a carico delle tette delle italiane.

E va bene la storia della coppa di champagne dentro cui entrerebbe il seno ideale, ma cominciare a misurarsi i neuroni no?

Con il beneficio del dubbio mi chiedo: fa sesso ai maschietti?

I neuroni possiamo misurarceli tutti insieme in una calda atmosfera unisex!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...