Frida Kahlo. Amo te che…..

Io amo te come si ama una favola antica. Amo te con i tuoi colori sgargianti che bucano foto in bianco e nero. Amo il sorriso accennato che si fa spazio tra le tue ossa rotte e la tua risata rubata da obbiettivi avidi di immortalarti. Amo le tue trecce che trattengono l’infanzia e le tue acconciature che parlano lingue dimenticate. Amo il tuo sguardo … Continua a leggere Frida Kahlo. Amo te che…..

L’arte che cambia la donna nei lavori di Marìa Marìa Acha-Kutscher

Qualche volta mi capita di scoprire artisti di cui non sapevo l’esistenza e alla gioia della scoperta si unisce però il disappunto di non trovare nulla in internet riguardo a quell’artista in lingua italiana. Mi piacerebbe che l’Italia si aprisse un po’ di più al panorama artistico internazionale coinvolgendo gli artisti nazionali in un confronto che può portare con sè solo vantaggi, primo tra tutti … Continua a leggere L’arte che cambia la donna nei lavori di Marìa Marìa Acha-Kutscher

René Burri e il suo Che Guevara

Questa sembra l’epoca del giro di boa, quella in cui tutto cambia velocemente, in cui grandi personalità si affermano senza riuscire davvero a rimpiazzare i giganti del Novecento, quelli che hanno fatto la storia e la cultura. E poi, anche se per abitudine ci riferiamo al Nvecento come allo scorso secolo, in realtà anche quelli della mia generazione lo sentono ancora come il nostro secolo. … Continua a leggere René Burri e il suo Che Guevara

Zentangle. Disegnare con l’intuito.

Che cos’è lo Zentangle? Lo Zentangle è una forma d’arte adatta a tutti che consiste sostanzialmente nel creare disegni astratti utilizzando schemi che si ripetono. Si tratta di quei disegnini intrecciati che gli inglesi chiamano doodling e che, involontariamente, ognuno di noi ha fatto milioni di volte sui bordi di libri e quaderni per ammazzare la noia durante una lezione a scuola. La parola Zentangle … Continua a leggere Zentangle. Disegnare con l’intuito.

da L’albergo delle donne tristi di Marcela Serrano

“(…) Sapeva bene di non essere facilitata per quello che riguarda l’isolamento creativo. lo spiegava a Emilia (il suo interlocutore preferito). Quando sarai una vera pittrice, ricordati che la differenza tra un uomo e una donna nel gesto creativo è la seguente: c’è sempre una donna che chiude a chiave la porta affinché il genio maschile possa esprimersi; lo separa dal mondo, risolve tutto per … Continua a leggere da L’albergo delle donne tristi di Marcela Serrano

RON MUECK: UN ARTISTA DALLA CARICA IPERREALISTA DIROMPENTE

Non si può rimanere inermi dinanzi alle sculture iperrealistiche di Ron Mueck, un’artista australiano che ha trovato nella figura umana la più alta forma di ispirazione.  Corpi ingigantiti o miniaturizzati e ritratti nei loro momenti più intimi contribuiscono a sottolineare i tratti più reconditi della psiche umana che trapela da espressioni di dolore o sofferenza. Nato a Melbourne nel 1958, Ron Mueck si trasferisce a … Continua a leggere RON MUECK: UN ARTISTA DALLA CARICA IPERREALISTA DIROMPENTE

FRIDA MIO AMOR

Succede che ci si innamori, all’improvviso, senza volerlo, senza programmarlo. L’amore non è solo l’amore per un uomo, per un genitore, per un figlio. È nel suo statuto essere riconosciuto come un sentimento universale che muove le persone.  L’amore per l’arte, per la vita, per la natura. Tutto ciò riesce a migliorare il modo in cui ci rapportiamo al mondo, a quello che ci circonda. … Continua a leggere FRIDA MIO AMOR